Non avere paura dei carboidrati

By Linton Johnson

Per quanto io ami mia moglie, se dovessimo andare in spiaggia rigorosamente allo scopo di ottenere il fabbisogno giornaliero di vitamina D, dovrei stare più tempo di lei.Quando la nostra pelle è esposta ai raggi ultravioletti B del sole, interagisce con una proteina chiamata 7-deidrocolesterolo che si converte in vitamina D3, ovvero la forma attiva della vitamina D.Poiché mia moglie ha una carnagione più chiara di me, ha la naturale capacità di assorbire questi raggi ultravioletti B molto più velocemente.Pertanto, dovrei rimanere al sole più a lungo per produrre la quantità equivalente di vitamina D3.Da qui il motivo per cui sarei dovuto rimanere in spiaggia molto più a lungo senza di lei.

Quindi, se gli individui dalla pelle più scura hanno bisogno di un’esposizione al sole più lunga per raccogliere i benefici della vitamina D; lo stesso concetto deve essere compreso per l’atleta nel suo rapporto con il consumo di carboidrati.

È mio dovere dimostrare che non è necessario essere un campione per considerarsi come un’atleta.
Se il sole sorge e splende ogni singola mattina, la scelta di essere un’atleta dipende da noi.


VIVERE È MUOVERSI, MUOVERSI È LAVORARE, E DA QUI IL DETTO “MANGIARE PER VIVERE”.

Ciò che ho visto in questi anni è la tendenza di voler vivere senza il più importante macronutriente: i carboidrati.

Essendo di Chicago (che è lo stato del Midwest dell’Illinois, nella parte settentrionale dell’America), ho capito come le regioni settentrionali hanno un ritmo di vita molto più veloce delle regioni meridionali.Mentre frequentavo la Tulane University di New Orleans, (la Louisiana è uno stato del sud) ho notato come tutti pensavano che fossi molto più figo semplicemente perché ero di Chicago.

Era quasi come se tutto ciò che dicessi, anche una cazzata totale, era accettata perché “Ehi … io sono di Chicago!”

Quindi posso capire come la c***ata della dieta Keto si sia diffusa prima nelle aree settentrionali dell’Italia, per poi passare alle regioni meridionali come qualcosa di plausibile.
Ma sono qui per dirvi che se siete incuriositi nell’avere problemi alla tiroide e abbassare il testosterone a lungo termine, una dieta chetogenica fa al caso vostro.

Perché lo dico?

È nostro dovere, come atleti, svolgere attività fisica ogni giorno per migliorare noi stessi.
Che si tratti di scegliere di salire le scale, anziché usare l’ascensore o di allenarsi per un grande evento, i nutrienti chiave sono i carboidrati.Ora, se vogliamo fare una semplice discussione sul fatto che i carboidrati aumentino il livello di zucchero nel sangue, l’insulina o causino infiammazione, forse è meglio che sappiate che in questo post, spieghi che non è facile essere un’atleta ed esiste una complessità biologica da prendere in considerazione per rimanere in forma tutto l’anno.
Questa complessità biologica risiede nei carboidrati complessi che sono le fonti efficienti di energia che noi atleti usiamo per allenarci!

Quando parlo di carboidrati, non alludo ai carboidrati trattati, ma di noci, semi, legumi, fagioli, amaranto, miglio, quinoa, farro, riso nero, riso rosso, patate dolci, farina d’avena, frutta e verdura!

Non c’è nulla di meglio se volete veramente sentirvi appagati.

Questi carboidrati complessi sono suddivisi in glucosio, fruttosio e galattosio che devono essere utilizzati per alzarsi e muoversi.
È per questo motivo che la mia dieta prima, durante e dopo un allenamento o una partita è piena di carboidrati!Vi dirò di più: il momento migliore per consumare carboidrati è durante la cena.Gli alimenti contenenti carboidrati aiutano a produrre aminoacidi serotoninici e triptofanici nel cervello e per questo motivo è meglio mangiarli anche di notte perché ci aiutano a dormire meglio.

Ora, se siete pigri, i carboidrati non fanno per voi perché il glucosio inutilizzato, che di solito viene utilizzato come carburante durante l’attività fisica, si trasforma in grasso.

Ed è proprio qui che nasce l’idea di seguire una dieta povera o assente di carboidrati per perdere peso.Ma il peso non sarà l’unica cosa che potreste perdere se si escludono i carboidrati.

Il T3, che è l’ormone tiroideo più attivo, è incredibilmente importante per la gestione della glicemia ed è molto sensibile all’assunzione di carboidrati.Quando l’assunzione di carboidrati è bassa, lo sono anche i livelli di T3.È come se un’atleta si eserciti di meno, diminuendo le possibilità di vincere.I carboidrati mantengono alti i livelli del T3.

ORA PARLIAMO DEL TESTOSTERONE.

È dimostrato che un basso livello di testosterone è associato ad un aumento della mortalità maschile.Come giocatore attivo da oltre 20 anni, la mortalità non è una conversazione a cui sono interessato.Il basso livello di testosterone è la nemesi di un‘atleta perché aumento della libido, funzionamento erettile, energia e potenza, aumento della densità ossea e massa muscolare sono tutti vantaggi o benefici di essere un’atleta.Tuttavia, un basso livello di testosterone inverte tutti questi “superpoteri”!
Ora nessun’atleta potrebbe allenarsi senza questi superpoteri.Poiché una dieta a basso contenuto di carboidrati, si traduce in un progressivo abbassamento del testosterone.

Prima che gli italiani inizino a seguire gli stili americani, bisogna capire che l’America è più un’azienda che fa business, che un paese.
Non abbiamo più negozi di fiducia, ma supermercati giganti pieni di alimenti per ogni dieta di tendenza.
E sapete chi è il loro nemico?

Persone come me, persone che non sono mai state grasse, persone che hanno sempre e continueranno a mangiare carboidrati o persone che sono sempre state in forma.L’assenza di carboidrati rende le persone pigre e grasse, esattamente il risultato opposto dei nostri obiettivi.

Guardiamoci intorno: l’Italia sta diventando più “pesante”.

Il tasso di obesità sta salendo sempre più! Quindi, la prossima volta che assumete carboidrati, pensate all’energia, pensate ad allenarti, pensate al corpo sano e pensate, come me, di stare un po’ più a lungo in spiaggia per prendere il sole.

Get in The Game

Linton.

Share on facebook
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email